st joseph

  • 2013

    ORFANOTROFIO SAN MARTIN

    L’Orfanotrofio è situato nel centro di KITWE ed è gestito da Suore Battistine (nello specifico Sister Regina) e il nostro impegno consiste nel sostentamento di circa 30 bambini Orfani e nella gestione dei sostegni a distanza.
     

    SAN JOSEPH

    La missione situata in piena foresta, a circa 40 min di macchina da KITWE, contornata da numerevoli villaggi, è la nostra base di appoggio per tutti i nostri viaggi e casa della nostra Sister Carmela.
    In questa missione contribuiamo al mantenimento e all'istruzione di circa 150 bambini sordi.
  • Scuola sordi St Joseph (Kalulushi)

    Scuola sordi St Joseph (Kalulushi)

    La missione situata in piena foresta, a circa 40 minuti di macchina da Kitwe, contornata da numerevoli villaggi, è la nostra base di appoggio per tutti i nostri viaggi e casa della nostra Sister Carmela.
     
    In questa missione contribuiamo al mantenimento e all'istruzione di circa 150 bambini sordi presso la scuola di sordi a S. Giuseppe (Kalulushi) con 3000,00 Euro l'anno e dal 2010 devolviamo anche altri 5000,00 Euro  l'anno, il tutto attraverso la splendida S. Carmeladi al .Sosteniamo con .

    La scuola è una delle più importanti di tutto lo Zambia.

    Aggiornamento 2015

    La missione di St. Francis è quella che ha subito più cambiamenti nel corso di questi ultimi anni. Abbiamo provveduto al ripristino delle pompe per il corretto funzionamento dell’impianto idrico nel lebbrosario, alla sostituzione di vari tank consumati dal tempo e per il nuovo anno abbiamo in progetto la creazione di un piccolo orto coltivato dalle persone che vivono intorno alla missione dietro la supervisione delle sisters. L’orto dovrà servire al rifornimento dei viveri per le famiglie di lebbrosi che la nostra Associazione sostiene da anni. Vorremmo arrivare al punto che i fondi stanziati vengano utilizzati per le sementi e per l’altro materiale per le colture. Solo una parte del denaro stanziato dall’Associazione dovrà essere destinato all’acquisto di prodotti non direttamente coltivabili (sapone, candele, quaderni, ecc.). Speriamo in questo modo anche di stimolare il resto degli abitanti del villaggio ad iniziare una piccola coltivazione, oltre a favorire una sorta di “indipendenza” produttiva, non necessariamente legata a finanziamenti esterni.

Downloadhttp://bigtheme.net/joomla Joomla Templates